Regina José Galindo

Immagine

Immagine

 

Immagine

 

Immagine

 

Immagine

 

Regina José Galindo (born 1974) is a Guatemalan performance artist who specializes in body art. She first gave two performances in Guatemala in 1999, and gained international fame. One of her well-known acts include ¿Quién Puede Borrar las Huellas? (Translated: “Who Can Erase the Traces”), made in 2003, in which she walked from the Congress of Guatemala building to the National Palace, dipping her bare feet at intervals in a white basin full of human blood as a vigorous protest against the presidential candidacy of Guatemala’s former dictator José Efraín Ríos Montt.
Another of her notable works was titled Perra (2005), in which she carved the Spanish word perra, or bitch, on her legs, in protest against violence against women.
She frequently collaborates with other art performers, including compatriot Aníbal López.
Galindo received the Golden Lion award at the Venice Biennale in 2005, in the category of “artists under 30”, for her video Himenoplastia. This work, nevertheless, got a particularly hostile reception during its first showing in Guatemala, in 2004. The controversial work depicted surgical reconstruction of the artist’s hymen.
In October 2009, Exit Art showed a solo exhibition of Galindo’s work as part of their SOLO series and Performance in Crisis program.
A book on Galindo’s performance work has been published in Italy (Vanilla Edizioni, 2006). Galindo is also a writer of poetry and narrative; in 1998 she received the Myrna Mack Foundation’s Premio Unico de Poesía in Guatemala for Personal e intransmisible (Scripta Coloquia, 2000).
In 2011 the jury of the 29th Biennial of Graphic Arts in Ljubljana (Dave Beech, Christian Höller, Urška Jurman, and Ulay /Frank Uwe Laysiepen) awarded her with the Grand Prize for the works: Confesión (Confession), 2007 which was produced in Spain and inspired by the extraordinary rendition flights uncovered by a team of local reportes in Palma de Mallorca, and the Prince Claus Awards.

 

Regina José Galindo (nata nel 1974) è un artista di performance guatemalteco che si specializza nella body art. In primo luogo ha dato due spettacoli in Guatemala nel 1999, ed ha guadagnato fama internazionale. Uno dei suoi atti ben noti includono ¿Quién Puede Borrar las Huellas? (“Chi può cancellare le tracce”), realizzato nel 2003, in cui ha camminato dal Congresso di costruzione Guatemala al Palazzo Nazionale, immergendo i piedi nudi a intervalli di un bacino bianco pieno di sangue umano come una protesta vigorosa contro la candidatura presidenziale dell’ex dittatore del Guatemala José Efraín Ríos Montt.
Un altro dei suoi lavori importanti è stato intitolato Perra (2005), in cui ha scolpito il Perra parola spagnola, o cagna, sulle sue gambe, in segno di protesta contro la violenza nei confronti delle donne.
Collabora frequentemente con altri artisti d’arte, tra cui il connazionale Aníbal López.
Galindo ha ricevuto il Leone d’oro alla Biennale di Venezia nel 2005, nella categoria “artisti under 30”, per il suo video Himenoplastia. Questo lavoro, tuttavia, ha una reception particolarmente ostile durante la sua prima mostra in Guatemala, nel 2004 . l’opera controversa raffigurato ricostruzione chirurgica del imene dell’artista. Nell’ottobre 2009, Exit Art ha mostrato una mostra personale del lavoro di Galindo come parte della loro serie SOLO e Performance nel programma Crisi. Un libro sul lavoro le prestazioni di Galindo è stato pubblicato in Italia (Vanilla Edizioni, 2006). Galindo è anche uno scrittore di poesia e narrativa; nel 1998 ha ricevuto del Mack Fondazione Myrna Premio Unico de Poesía in Guatemala per il personale e intransmisible (Scripta Coloquia, 2000). Nel 2011 la giuria della 29 ° Biennale di Arti Grafiche di Lubiana (Dave faggio, Christian Höller, Urška Jurman, e Ulay / Frank Uwe Laysiepen) ha assegnato il Gran Premio per le opere: Confesión (Confessione), 2007, che è stato prodotto in Spagna e ispirato ai voli di rendition straordinarie scoperte da un team di reportes locali a Palma de Mallorca, e il Prince Claus Awards.

 

http://www.pacmilano.it/exhibitions/regina-jose-galindo/

http://www.artribune.com/2014/03/il-corpo-vivo-di-regina-jose-galindo-oltre-il-buio-della-guerra/

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...